Home
FORUM
Ricerca nel sito
Ultime pagine viste
E' ora di agire
Cottura passiva e si risparmia con gusto!


In questi anni di crisi economica e di valori alimentari, l'idea dello chef Elio Sironi è senz'altro la benvenuta. Si tratta della "cottura passiva", ovvero, la cottura a fuoco spento.
Si applica alla cottura della pasta, che noi italiani pratichiamo almeno una volta al giorno (e già da questo dato è possibile valutarne il risparmio economico). Il procedimento è semplice: portare l'acqua ad ebollizione, gettare la pasta e dopo due minuti di cottura spegnere il gas. Coprire la pentola e continuare la cottura a fuoco spento. Il tempo di cottura totale (quindi compresi i due minuti) è identico a quello della cottura tradizionale. Con questo metodo, oltre al risparmio energetico, si evita la dispersione dell'amido e del glutine, spiega Sironi, preservando sapori e nutrimenti preziosi.
Noi della Redazione l'abbiamo provato ed effettivamente la pasta ha un gusto più corposo ed è maggiormente digeribile.
Insomma, un piccolo accorgimento sulla via del risparmio energetico, a vantaggio del gusto.
E voi, lo avete provato?



3.6521
Valuta questo articolo
Anonimo29 giugno 2012, 18:22
Salve a tutti! A proposito dei due minuti , questo tempo va bene  per pasta con cottura fino a quanti minuti ? Ogni tipo di pasta ha il suo tempo di cottura  , quindi.........  Grazie per la risposta
Anonimo29 giugno 2012, 18:22
Salve a tutti! A proposito dei due minuti , questo tempo va bene  per pasta con cottura fino a quanti minuti ? Ogni tipo di pasta ha il suo tempo di cottura  , quindi.........  Grazie per la risposta
La Redazione17 luglio 2012, 15:11
I due minuti devono trascorrere dall'inizio dell'ebollizione, poi metti il coperchio, spegni il gas e fai cuocere per i rimanenti minuti che la pasta richiede.
 
Anonimo 7 agosto 2012, 10:42
Buongiorno a tutti. Già da un paio d'anni uso questo metodo, consigliato da un amico. La pasta cuoce perfettamente con lo stesso tempo totale ed effettivamente è più buona.
Anonimo20 settembre 2012, 13:15
Buongiorno!
Nell'articolo c'è un errore madornale... La pasta, cuocendo in questo modo , è MOLTO MENO DIGERIBILE, proprio perchè rimane piena di amido...

Attenti a ciò che scrivete...
La Redazione20 settembre 2012, 15:28
Buongiorno Sig. Anonimo, la ringrazio per la sua informazione. La sua precisazione aggiunge un aspetto della cottura passiva che è giusto portare in evidenza. La pasta cotta in questo modo trattiene infatti l'amido che, durante l'assimilizione, produce picchi glicemici che, le persone con particolari patologie (diabete, ad esempio) devono aver cura di evitare. Ancora grazie.   Ps sono benvenuti tutti i commenti, come si può vedere non è necessario iscriversi al sito. Sono però graditi i commenti firmati.  

altre informazioni correlate a questo articolo

alimenti prodotti produttori ricette
credits | contatti | mappa | versione per la stampa | versione ad alta accessibilità | photo gallery | ricerca
Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer